San Mauro la Bruca, la festività di Sant’Eufemia

San Mauro la Bruca, la festività di Sant’Eufemia

Da un paese che porta il nome di un Santo ci si aspetta la piena corrispondenza sia nella titolazione parrocchiale che nella festività patronale (come, ad esempio, accade a Santa Lucia di Sessa Cilento). A San Mauro la Bruca, invece, vi è in parte discordanza. La chiesa parrocchiale è dedicata a Sant’Eufemia Vergine e Martire, ma la comunità affida la propria protezione, non solo alla giovane martire, ma anche all’Abate.


San Mauro la Bruca e San Nazario

Al territorio di San mauro la Bruca appartiene il capoluogo e la frazione di San Nazario. Sono poche le notizie che ci raccontano dei due casali. E’ certo però che vantano una storia antichissima. Una delle cause della scarna documentazione è imputabile proprio alla longevità della loro storia. Secondo alcune congetture, deducibili dagli studi affrontati nel corso del tempo, gli abitati si svilupparono intorno ad importanti luoghi di culto. Nella prima metà dell’XI secolo, quello che poteva essere il primo nucleo di San Mauro fu progressivamente abbandonato e ricostruito più a monte, arroccandosi in una posizione più salubre. Di conseguenza è riedificata anche la chiesa parrocchiale oggi dedicata a Sant’Eufemia Vergine e Martire, ricostruita, come vedremo, ancora una volta nel 1800. Più lineare è invece la storia di San Nazario. Di certo è legata all’Abbazia in cui, secondo la tradizione, nel 940 riceve l’abito monastico San Nilo da Rossano.

San Mauro la Bruca
San Mauro la Bruca (foto wikipedia)


La chiesa di Sant’Eufemia : da parrocchia a ‘Santuario’

San Mauro la Bruca conta meno di 600 abitanti. La sua storia seppur incerta custodisce importanti pagine. Un ruolo non marginale è occupato dalla sfera cristiana: il paese nel corso degli ultimi due secoli è stato scenario di altrettanti eventi passati alla storia come miracoli: la ‘Galleria Spina’ e le ‘Ostie profanate’. Il primo risale alla fine del XIX secolo: i fatti si riferiscono al 14 gennaio del 1889. Il secondo, invece, è avvenuto nella seconda metà del 1900. Era il 25 luglio del ‘69: dopo settant’anni il paese sarà nuovamente sotto i riflettori per il ‘Miracolo Eucaristico’. Le cronache raccontano che nella notte ignoti penetrarono nella chiesa parrocchiale e, oltre a diversi oggetti sacri, trafugarono le Ostie consacrate custodite nel Tabernacolo. Gettate all’uscita, sono state rinvenute e raccolte il mattino seguente ed oggi conservate nella chiesa di Sant’Eufemia che è stata elevata a Santuario Eucaristico.

San Mauro la Bruca, Santuario Eucaristico
San Mauro la Bruca, Santuario Eucaristico

Sant’Eufemia

San Mauro la Bruca vanta tre celesti patroni: San Mauro Abate e Santa Eufemia al capoluogo, mentre nella frazione si celebra San Nazario. Sant’Eufemia si festeggia il 16 settembre. Tra l’altro nella Diocesi di Vallo della Lucania, il paese conta l’unica parrocchia dedicata alla Santa di Calcedonia. Tutti i momenti sono scanditi dalle celebrazioni religiose che culminano con la tradizionale processione (in questo 2020 non sono previste nel rispetto delle direttive nazionali). L’immagine della patrona si conserva nella parrocchiale posta nel cuore dell’abitato. La chiesa fu edificata nel corso dell’Ottocento nel posto in cui già prima esisteva un antico luogo di culto che aveva origini cinquecentesche. Della vecchia struttura, la nuova chiesa conserva il presbiterio che oggi costituisce la cappella laterale nella quale si trova la statua di San Mauro. Fu inaugurata nell’ultima parte del XIX secolo e rappresenta uno dei monumenti principali del territorio.

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte è nato ad Agropoli (Sa) nel 1982. Si laurea in Lettere con una tesi sul dialetto cilentano, una delle principali tematiche trattate nei suoi lavori. Giornalista pubblicista, coltiva la sua passione per la scrittura attraverso contribuiti soprattutto di carattere culturale. Si occupa di tradizioni, con particolare attenzione alla componente religiosa, tramite ricerche originali e personali. Racconta il Cilento attraverso fatti e memorie. È ideatore e gestore del blog cilentoitalia e dal 2019 di lineacilento.it. Appassionato di gastronomia realizza volentieri articoli di cucina. Per contatti: info@lineacilento.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 2 =

error: Content is protected !!