Rocca Cilento, la Madonna della Neve: la storia della festa di maggio

Rocca Cilento, la Madonna della Neve: la storia della festa di maggio

A Rocca Cilento, la festività di Santa Maria della Neve nel mese di maggio, calca le memorie di una vecchia leggenda che, in verità, si armonizza perfettamente nei contorni di una antica tradizione. Il ‘miracolo della pioggia’ appartiene al Cilento stando alle memorie di diverse realtà poste proprio in questa zona. Basti ricordare la ricorrenza di Santa Maria Vetere nel capoluogo Lustra oppure la festività della Madonna a Casigliano.

Rocca Cilento, la storia civile e religiosa

Parlare di Rocca Cilento significa raccontare la storia di questa terra. Sarebbe, dunque, estremamente riduttivo riproporre in poche righe una straordinaria ricchezza culturale che, in questo contesto, si concretizza con tante intense pagine. Il paese si distende a ridosso dell’antico maniero, un possente ‘Castello’ che domina, da secoli, la valle dell’Alento e, con lo sguardo, quella dorsale della montagna che lentamente risale fino alla cima del Monte Stella. Il tessuto urbano lascia ancora trapelare l’antica struttura fortificata ed è facile immaginare come questo posto abbia notevolmente contribuito alla vita sociale ed amministrativa del Cilento stesso. Alle architetture civili, che caratterizzano la parte più alta dell’abitato, si contrappone la sobria facciata della chiesa parrocchiale dedicata a Santa Maria della Neve, situata nella parte meridionale del paese. Oggi, l’insieme di queste realtà, restituisce l’immagine di un piccolo borgo in cui sono ancora vive e ben radicate le tradizioni del passato.

La Madonna della Neve

L’antica Rocca Cilento affida la sua protezione alla Madonna della Neve. La festività patronale si celebra in due momenti dell’anno: il 25 maggio e il 5 agosto. La prima ricorrenza fu istituita come memoria votiva quando il popolo chiese aiuto alla Vergine durante una primavera poco piovosa. La siccità, infatti, fece temere agli abitanti uno scarso raccolto che, ben presto, si sarebbe potuto tramutare in una importante carestia. L’intercessione della Madonna salvò i rocchesi da un rovinoso scenario lasciando cadere la pioggia. A perenne ricordo venne fissata, in quest’ultima parte della primavera, una ricorrenza votiva. Ancora oggi si caratterizza per la tradizionale processione che raggiunge il luogo dove, secondo la credenza popolare, la pioggia iniziò a cadere. La festività estiva, invece, rappresenta il cardine della devozione locale. È un giorno solenne che, ancora una volta, si distingue per la consueta processione a cui prendono parte anche numerosi emigrati.

Giuseppe Conte

Giornalista pubblicista, coltiva la passione per la scrittura attraverso contribuiti soprattutto di carattere culturale. Si occupa di tradizioni, con particolare attenzione alla componente religiosa, tramite ricerche originali e personali. Appassionato di gastronomia realizza volentieri articoli di cucina. Per contatti: info@lineacilento.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 1 =

error: Content is protected !!