Camella, San Nazario e il “Volo dell’Angelo”

Camella, San Nazario e il “Volo dell’Angelo”

Camella (che fa parte del comune di Perdifumo) e San Nazario conservano un profondo legame che insiste ormai da secoli. Una devozione straordinaria accompagna la festività.

Un’antica Contea

Quando si parla di Camella, per certi versi, è come raccontare la storia dell’intero Cilento. Notizie remote ci inducono a pensare che proprio qui abbia potuto avere origine quell’oronimo di cui s’impadronì dapprima la montagna e poi tutto quel territorio che vi orbita intorno. La genesi di questo luogo, dunque, affonda le radici in tempi molto lontani tanto da impedire una corretta ricostruzione del suo passato. Autorevoli studi affrontati da chi di dovere portano avanti un’affidabile teoria che vuole Camella la più antica contea del Cilento insieme ai villaggi scomparsi di Ancilla Dei e Palearia. Si trattava di un’organizzazione amministrativa ben strutturata e che aveva anche un riferimento spirituale comune: la parrocchiale di San Nazario. Questa ipotesi può giustificare l’ubicazione della chiesa a valle dell’abitato che, in questo meccanismo, non va vista come in “posizione isolata”, ma centrale rispetto a più abitati.

San Nazario

Gli elementi or ora evidenziati, inoltre, ci inducono ad ipotizzare l’esistenza della chiesa di San Nazario già nel XII secolo; anzi, è accettabile che esistesse ancor prima. Tralasciando poi le caratteristiche architettoniche e strutturali è doveroso contestualizzare anche i lineamenti agiografici per meglio chiarirne i connotati. Pur facendo riferimento alla ricorrenza estiva, infatti, il San Nazario patrono di Camella è quasi certamente da individuare nel martire che si celebra a giugno. Ne sarebbe conferma anzitutto nell’iconografia; la statua, nelle sue fattezze, assume i caratteri di un giovane soldato mentre il San Nazario che si celebra il 28 luglio è sempre rappresentato in età matura come si evince agevolmente pure in altri contesti territoriali. Inoltre, ancora oggi, si conserva la festività del 12 giugno con la celebrazione della Santa Messa.

Il Volo dell’Angelo

A caratterizzare la festività è il tradizionale Volo dell’Angelo che intervalla la solenne processione. È una delle sacre rappresentazioni tipiche del Cilento che ancora resistono e vengono portate in scena testimoniando una devozione molto forte e ben radicata nella cultura locale. Un tempo la ricorrenza si svolgeva a giugno fu poi spostata a luglio quai certamente per ragioni logistiche. Ancora dopo le celebrazioni furono ulteriormente posticipate alla domenica coincidente o successiva al 28 luglio per permettere una più ampia partecipazione popolare.

Camella, San Nazario 2022
Camella, San Nazario 2022

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte è nato ad Agropoli (Sa). Si laurea in Lettere con una tesi sul dialetto cilentano, una delle principali tematiche trattate nei suoi lavori. Giornalista pubblicista, coltiva la passione per la scrittura attraverso contribuiti soprattutto di carattere culturale. Si occupa di tradizioni, con particolare attenzione alla componente religiosa, tramite ricerche originali e personali. Racconta il Cilento attraverso fatti e memorie. È stato ideatore e gestore del blog cilentoitalia e dal 2019 di lineacilento.it. Dal 2020 scrive per il ‘Quotidiano del Sud’. Appassionato di gastronomia realizza volentieri anche articoli di cucina. Per contatti: info@lineacilento.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciassette + dieci =

error: Content is protected !!