Lucerne, in Cilento la ricetta originale delle “mbuttitelle”

Lucerne, in Cilento la ricetta originale delle “mbuttitelle”

Fino a pochi anni fa, i dolci natalizi, che oggi generalmente assumono varianti diverse nella forma e soprattutto nell’onomastica, erano le “lucerne” per le sembianze di stella che ottengono durante la lavorazione.

lucerne o mbuttitelle, dolce tipico del Cilento
lucerne o mbuttitelle, dolce tipico del Cilento appena fritte

Le lucerne

In modo arcaico e spontaneo vi era un tempo in cui nelle nostre case diventavano semplicemente ‘mbuttitelle. Il nome richiama chiaramente il ripieno, vale a dire quel composto che nel Cilento diventa ‘mbuttone in diverse preparazioni. Si tratta di uno dei piatti più antichi presenti nella tradizione gastronomica locale e, convenzionalmente, si porta in tavola nel periodo natalizio. Oggi si tende ad assimilarlo alle pastorelle che, a mio avviso, non è né una variante né un antenato delle lucerne. Ci troviamo difronte, infatti, ad un dolce che nulla a che fare con la preparazione tipica del Natale. Quest’ultimo (pastorelle), nel nome, evoca un profondo legame con il mondo agreste e, pare, venisse preparato in occasione dei matrimoni, probabilmente con un significato ben augurale. L’accostamento è forse dovuto al ripieno che, oggi, talvolta combacia, ma non del tutto. E in effetti per le lucerne, oltre al classico ‘mbuttone, ritroviamo il miele.

lucerne o mbuttitelle, dolce tipico del Cilento
lucerne o mbuttitelle, il ripieno

Mbuttitelle, la ricetta

La sfoglia si prepara con farina, un uovo e vino bianco. Zucchero e scorze di agrumi sono quasi certamente una versione moderna. All’interno, invece, si prepara un composto con purea di castagne e miele, a cui si aggiunsero poi cioccolato e aromi. Dopo aver lavorato l’involucro esterno, la pasta viene stesa e, ottenuti due cerchi piuttosto sottili, si pone tra di essi il ripieno. Vengono poi chiuse esercitando una certa pressione su i bordi che, di seguito, verranno pizzicati e tirati verso l’interno dando al dolce la classica forma a stella. Per la dolcezza, dopo averle fritte, le ‘mbuttitelle vengono passate nel miele caldo. A questo punto il piatto è pronto, ma ci si può adoperare per la decorazione oppure modificarne l’essenza tradizionale cospargendole di zucchero a velo piuttosto che miele. In tal modo però sembrerebbe che il dolce diventi una pastorella.

lucerne o mbuttitelle, dolce tipico del Cilento
lucerne o mbuttitelle, dolce tipico del Cilento

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte è nato ad Agropoli (Sa). Si laurea in Lettere con una tesi sul dialetto cilentano, una delle principali tematiche trattate nei suoi lavori. Giornalista pubblicista, coltiva la passione per la scrittura attraverso contribuiti soprattutto di carattere culturale. Si occupa di tradizioni, con particolare attenzione alla componente religiosa, tramite ricerche originali e personali. Racconta il Cilento attraverso fatti e memorie. È stato ideatore e gestore del blog cilentoitalia e dal 2019 di lineacilento.it. Dal 2020 scrive per il ‘Quotidiano del Sud’. Appassionato di gastronomia realizza volentieri anche articoli di cucina. Per contatti: info@lineacilento.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciotto + 3 =

error: Content is protected !!