San Mauro Cilento, la Madonna dei Sette Dolori: il “miracolo della pioggia”

San Mauro Cilento, la Madonna dei Sette Dolori: il “miracolo della pioggia”

Era il Lunedì dell’Angelo e una gran folla accolse l’uscita della Madonna: una solenne processione carica di fede e di speranza partì dalla cappella dei ‘Sette dolori’… Ieri e ancora oggi: le cénte ordinate attendono lo scampanio dei bronzi della parrocchiale e s’incamminano verso la chiesetta dell’Addolorata. I canti e le preghiere, che si uniscono in un inno antico, scandiscono quel breve tragitto che trasuda i segni di una storia indelebile.

San Mauro Cilento

Il contesto paesaggistico è il territorio di San Mauro Cilento, antico centro situato sulle propaggini tirreniche del Monte Stella. Il paese si compone di due casali che portano il nome di ‘Casal Sottano’ e ‘Casal Soprano’. Entrambi sono posti a quota collinare e a poca distanza l’uno dall’altro. Costituiscono, a loro volta, l’aggregazione di più antichi villaggi diventati poi storici rioni di cui si conserva piena memoria nei quartieri Vallongella, Ratto e Sorrentini. Il territorio municipale, però, giunge fino alla costa raggiungendo la bella località marina di Mezzatorre. Il contesto temporale, invece, si riferisce al Settecento. Secondo alcuni studi, infatti, l’evento risale alla prima parte di una primavera del XVIII secolo, e proprio nei giorni in cui si celebrava la Pasqua. A completare questo quadro è chiaramente il contesto devozionale, forte di una fede profonda che resiste con caparbietà ai nuovi scenari sociali imposti dalla modernità.

Il “miracolo della pioggia”

Era il ‘Lunedì dell’Angelo’ quando la Vergine fu portata in processione. Si racconta che il popolo temendo pesanti carestie dovute alla persistente siccità, si radunò alla cappella dei Sette Dolori invocando la Madonna affinché facesse cadere la pioggia. Una grande folla prese parte a quella processione. Discendeva in direzione della chiesa parrocchiale e volgendo lo sguardo verso le campagne desiderose di acqua ci si affidava alla benevolenza divina. A gran voce si chiedeva l’intervento della Vergine. I racconti proseguono dicendo che all’improvviso il cielo iniziò a oscurarsi e non tardò ad arrivare la pioggia. I fedeli, insieme alla Madonna trovarono riparo nella chiesa parrocchiale. Le acque, copiose e abbondanti, proseguirono per giorni, e nel mentre, per tutta la settimana in Albis, i sanmauresi continuarono a pregare finché, cessati i temporali, con una solenne processione riportano la statua nella sua cappella. Da allora, ogni anni, si rinnova questa tradizione ormai plurisecolare.

Programma festività della Madonna 2022

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte è nato ad Agropoli (Sa). Coltiva la sua passione per la scrittura attraverso contribuiti soprattutto di carattere culturale. Si occupa di tradizioni, con particolare attenzione alla componente religiosa, tramite ricerche originali e personali. Racconta il Cilento attraverso fatti e memorie. È stato ideatore e gestore del blog cilentoitalia e dal 2019 di lineacilento.it. Appassionato di gastronomia realizza volentieri anche articoli di cucina. Per contatti: info@lineacilento.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × quattro =

error: Content is protected !!