Cicerale, la ricorrenza di San Giorgio tra storia e devozione

Cicerale, la ricorrenza di San Giorgio tra storia e devozione

Cicerale porta San Giorgio in processione due volte all’anno: il 23 aprile e il 19 agosto. Nella festività patronale è racchiusa l’essenza di questo luogo che anima la storia del paese ormai da secoli.

Cicerale

Il territorio di Cicerale occupa una zona situata sul fianco destro del bacino dell’Alento. Dalle rive del fiume risale fino a superare i 600 metri culminando con il Monte San Leo. L’abitato si distende con una caratteristica forma allungato che si dipana lungo la via principale. Nel tessuto urbano della parte meridionale si nota la parrocchiale risalente al XVII secolo. Poco più sopra, invece, arroccato sullo stesso versante, appare il piccolo centro di Monte Cicerale, che, contrariamente al capoluogo, si addensa intorno alla chiesa di San Nicola. Il paese e la sua frazione hanno condiviso diversi secoli di storia. Un’origine antica e a tratti ancora poco nota accomuna le due realtà. Pare che qui vi passasse l’antica via che metteva in comunicazione Paestum ed Elea, rafforzando l’importanza di questo sito.

Cilento - San Giorgio, Cicerale
San Giorgio, Cicerale (foto Loris Torrusio)

La festa di San Giorgio

La festività di San Giorgio si ripete due volte all’anno: il 23 aprile e il 19 agosto. L’appuntamento primaverile risente maggiormente della componente religiosa e un tempo costituiva l’occasione principale in cui l’intera comunità mostrava la sua grande devozione. La festività di agosto, invece, è d’istituzione certamente più recente e, probabilmente, fu voluta per consentire la partecipazione anche dei ciceralesi che per ragioni diverse risiedono fuori dal paese natio. In passato, però, sappiamo che la richiesta d’intercessione al Santo patrono, è stata una pratica piuttosto diffusa in Cilento. Ne è chiara testimonianza nelle diverse festività votive disseminate nell’arco dell’anno. A Cicerale, in particolare, nella seconda metà del XIX secolo fu istituita la ricorrenza del 16 dicembre che nasce nel 1857 quando una violenta scossa di terremoto colpì l’allora Lucania raggiungendo anche l’odierno Cilento.

Cicerale, San Giorgio
Cicerale, San Giorgio (foto Simone Gioia)

Cicerale, una storia di fede e devozione

Le celebrazioni in occasione della festività patronale sono scanditi indubbiamente dalla fede e dalla devozione. Questi due elementi, però, essendo imprescindibili tra loro, hanno favorito la nascita di due piccole fiere da tenersi in concomitanza della ricorrenza di San Giorgio. Ad agosto si tiene nel giorno di vigilia evocando quelli che un tempo erano importanti appuntamenti per la vivacità non solo economica, ma anche sociale dell’intera comunità.

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte è nato ad Agropoli (Sa). Si laurea in Lettere con una tesi sul dialetto cilentano, una delle principali tematiche trattate nei suoi lavori. Giornalista pubblicista, coltiva la passione per la scrittura attraverso contribuiti soprattutto di carattere culturale. Si occupa di tradizioni, con particolare attenzione alla componente religiosa, tramite ricerche originali e personali. Racconta il Cilento attraverso fatti e memorie. È stato ideatore e gestore del blog cilentoitalia e dal 2019 di lineacilento.it. Dal 2020 scrive per il ‘Quotidiano del Sud’. Appassionato di gastronomia realizza volentieri anche articoli di cucina. Per contatti: info@lineacilento.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 + 11 =

error: Content is protected !!