Magliano Vetere, Santa Lucia ‘a settembre’ fra storia e devozione

Magliano Vetere, Santa Lucia ‘a settembre’ fra storia e devozione

È la terza domenica di settembre quando i devoti, riuniti in processione, raggiungono il Santuario rupestre di Santa Lucia. Magliano Vetere rende omaggio così alla sua patrona. Si tratta di una tradizione che insiste da secoli e che conserva i canoni di una consuetudine antica ben radicata nella cultura del Cilento. Per la festività del 2020 non ci sarà la caratteristica processione, rispettando le disposizioni nazionali, ma la memoria e la devozione è mantenuta viva dalla fede popolare.

Magliano Vetere: il contesto storico

La presenza dell’uomo in queste terre ha una genesi sicuramente antica. Dai primi documenti in cui si riscontra l’esistenza del paese, che compare nella forma ‘Manlianum’, le vicende storiche vissute dai due borghi appaiono piuttosto comuni tanto da far ipotizzare la fondazione nello stesso periodo. Ciò smonterebbe la teoria che vuole ‘Magliano Nuovo’ sorto in seguito alla distruzione e all’abbandono di ‘Magliano Vetere’. Lo confermerebbe il fatto che un’ulteriore tradizione attribuisce la nascita di questi due paesi ad un terzo Magliano, ancora più antico, che sarebbe esistito nello stesso territorio. Bisogna aspettare, infatti, secoli relativamente recenti per poter parlare quasi distintamente di Magliano Vetere e Magliano Nuovo. Una situazione simile, ma che ha seguito un andamento più lineare, riguarda l’assetto cristiano. Va subito evidenziato, però, che le parrocchie delle due comunità portano la stessa titolazione, quella di Santa Maria Assunta, pur vantando culti completamente diversi tra loro.

Santuario Santa Lucia, Magliano Vetere
Santuario Santa Lucia, Magliano Vetere

Magliano Vetere, Santa Lucia

La festività patronale si celebra in due occasioni: a dicembre, memoria liturgica e la terza domenica di settembre. Mentre la prima conserva solo le funzioni religiose, la seconda è ben più ambita perché si raggiunge in pellegrinaggio il suggestivo santuario incastonato nella montagna. Questa ricorrenza, tra l’altro, vanta una genesi remota che ha un profondo significato storico. Si tratta, con molta probabilità, di una di quelle festività istituite nel corso della prima metà del Settecento, come ringraziamento per aver protetto la comunità. In quegli anni, infatti, si assiste a diverse calamità che, oltre alla epidemie, portano importanti carestie che minano la sopravvivenza dei piccoli casali. Ne sarebbe conferma nel fatto che, ricorrenze simili, sono presenti anche nei paesi vicini. Il momento più partecipato è senza dubbio la tradizionale processione che si svolge sotto forma di pellegrinaggio al mattino e in serata attraversando le vie principali del paese.

Santuario Santa Lucia, Magliano Vetere
Santuario Santa Lucia, Magliano Vetere

Il Santuario di Santa Lucia

Il Santuario di Santa Lucia a Magliano Vetere, rappresenta uno straordinario esempio di architettura rupestre. Nel territorio comunale ne sono presenti due: oltre al capoluogo, vi si trova la chiesa di San Mauro a ridosso delle guglie rocciose che sovrastano l’abitato della frazione Capizzo. Entrambi i casi conservano apprezzabili elementi ornamentali e strutturali. Il Santuario di Santa Lucia è situato a poca distanza da Magliano e si raggiunge tramite un piccolo sentiero. L’origine è di certo antica come testimonia l’affresco che rappresenta Santa Lucia dipinto sul muro di fondo. Sono due gli spazi che compongono il piccolo complesso. Ognuno di loro ospita un altare. In occasione della ricorrenza i pellegrini rendono omaggio a Santa Lucia, patrona della comunità e per l’occasione sono ancora preparate le tradizionali cénte. Quest’anno, come da disposizioni nazionali, non ci sarà la consueta processione, ma la memoria e la devozione è mantenuta via dalla fede popolare.

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte è nato ad Agropoli (Sa) nel 1982. Si laurea in Lettere con una tesi sul dialetto cilentano, una delle principali tematiche trattate nei suoi lavori. Giornalista pubblicista, coltiva la sua passione per la scrittura attraverso contribuiti soprattutto di carattere culturale. Si occupa di tradizioni, con particolare attenzione alla componente religiosa, tramite ricerche originali e personali. Racconta il Cilento attraverso fatti e memorie. È ideatore e gestore del blog cilentoitalia e dal 2019 di lineacilento.it. Appassionato di gastronomia realizza volentieri articoli di cucina. Per contatti: info@lineacilento.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + 2 =

error: Content is protected !!